Il mistero del Sogno nel Tempo

“Il Mistero del Sogno nel Tempo” di Valentina Cardellini è un viaggio che percorre migliaia di chilometri e si ferma  nella meravigliosa terra del Salento, dove l’aria che si respira è pura come «l’eternità che vive nelle nostre convinzioni».

Un viaggio in cui il protagonista, Miro, affronta tutte le contraddizioni di un spirito libero ventenne; la perdita di un amore che credeva eterno, quello con Diletta, sarà la spinta decisiva che lo aiuterà a partire per raggiungere sua zia, a Gallipoli. Miro affronta questo viaggio con la speranza di poter tornare a respirare ossigeno dopo mesi di buio eterno. L’autrice dipinge questa storia con un pennello delicato e dai mille colori, dove quello dell’amore pervade le anime di chi vive legato inesorabilmente ad unico filo, quello della speranza. La scrittura è fluida, il testo scorre veloce e una pagina tira l’altra.

Questo libro è una vera scoperta, in grado di trascinare il lettore in un altro viaggio, quelle delle emozioni più pure, intime e nascoste di un essere umano, una sorta di spedizione onirica dove la destinazione è tutta da scoprire. L’amore è il vero protagonista, indipendentemente dai personaggi che lo vivono. E’ il filo conduttore che si nutre di  dolcezza e si fortifica con il candore dell’innocenza. Assolutamente da leggere.

Continue Reading

Profumo

“Evado dolcemente dai pensieri; di notte evito la parola; scopro la Natura. A chi donerò il mio sorriso? Mi distenderò sui petali del mondo; ho con me l’abito di seta color porpora, accompagnerò le stelle alla loro tomba. Dolci follie: questa è la mia vita. Navigo lacrime, forse io creai le stelle?”
Questo è Pasquale De Falco: un mentore di sogni, un poeta di attimi, un cantore di umane illusioni.
Profumo è un volume intimo e sopra le righe, un antefatto di quanto forse attiene alle vite future, un condensato di ciò che di significativo esiste nell’attuale: più di ogni altra cosa, è l’agonia consumata lungo passi inconcludenti nelle notti insonni, in solitudini silenti che sanno di alcool e sigarette, per sentieri di corpi e di vite disordinate, lungo la scia di un profumo, di una allusione, di una sensuale provocazione.
Un libro che stupisce per il suo carattere onirico, precipuo ed universale, in cui ciascuno può riconoscere e specchiarsi in un pezzo del proprio vissuto, grazie ad una narrazione in grado di tenere un passo emotivo elevatissimo, un ritmo incalzante dalla prima sino all’ultima, suadente pagina.
Lettura consigliatissima, cui si rapprendono scaglie di un respiro eterno ed infinito.

Continue Reading

23° 27′

Fabio Ognibene ci apre una finestra su quanto possa essere affascinante la mente umana: una mente sempre all’ opera, che elabora fatti e che si pone domande, alle quali però, non necessariamente sente l’ impulso di trovare una risposta.

Oreste, Silvia e Lorenzo: tre persone apparentemente diverse tra loro, ma legate dal filo conduttore dello scorrere implacabile dei propri pensieri, ognuno prigioniero delle proprie manie.

L’autore racconta parallelamente le vicende di Silvia e Lorenzo, ne descrive le avversioni per quelle che sono le regole, che siano di vita o di grammatica, i disturbi compulsivi ed il modo singolare con cui essi reagiscono.

Poi, per caso, le vite dei due si intrecciano, rivelando come persone simili si ritrovano ad interagire, con quella piacevole sorpresa di aver trovato qualcuno che comprenda determinati comportamenti. Persone fondamentalmente estranee ai canoni di vita comune, di quelle che qualsiasi avvenimento accada, impassibilmente pronunciano: “Non è successo niente che abbia spostato l’ inclinazione dell’ asse terrestre anche di un solo millimetro.”.

Il romanzo è un pò sui generis, molto psicologico ed incentrato sui protagonisti singolarmente, senza amalgamarli mai fino in fondo.

 

Acquista il libro su Amazon

Recensione a cura di: Maria Carlucci

Continue Reading