I gatti negli armadi

Speranza. Quella di una vita semplice e felice, seppur fuori da ogni canone imposto, lontano dalle convenzioni. Nessun lavoro che risucchia tempo prezioso, nessuno slogan pubblicitario all’interno del supermercato, soltanto la fantasia che fa da sfondo a paesaggi variopinti e mutevoli, e perfino un pizzico di magia. Un’ isola ecologica ed un esercito di armadi.

Dall’ altra parte la brama del controllo su qualsiasi cosa, la cieca avidità che porta sull’orlo della pazzia chi vede a poco a poco sgretolarsi i propri sogni di gloria sulla piccola cittadina di Bagnamare.

I gatti di Oreste Brondo sbucano di notte dagli armadi, promettendo una vita diversa a coloro che avessero avuto il coraggio di abbandonare la realtà cittadina per seguirli insieme al loro Re, un uomo buono, che più che timore ispira gioia ed ammirazione.

L’ autore ci regala una lezione di convivenza e di accettazione dell’ ignoto, di come quello che non si conosce possa spaventare chi, con la mente chiusa, non si sforza di pensare che si possa vivere insieme pacificamente. Il Cavalier Baggiani, proprietario di ogni attività commerciale e casa della città, col suo orgoglio ( ed il conto in banca ) ferito, smuove mezzo mondo pur di fermare la pacifica fuga dei bagnamaresi trasferitisi nell’ isola ecologica coi propri armadi, ricorrendo a qualsiasi soluzione per schiacciare il suo nemico, quel Re dei gatti, che con le sue parate magiche, coi suoi vassoi colmi di leccornie profumate ed i suoi paesaggi incantati racchiusi nelle ante di quei mobili, lo surclassa in tutto e per tutto.

Ma nonostante l’ odio e la determinazione spazzino via ogni cosa buona, speranza e buoni propositi sopravvivono, portando altrove chi ci crede, chi di notte ha cambiato la propria prospettiva accogliendo un gatto che gli raccontava di una vita di meraviglia, pensando di sognare, ma, citando il racconto, “I sogni sono messaggi. Arrivano di notte e certe volte sono più veri della verità.”.

I gatti negli armadi è da considerarsi una lettura diversa, piacevole e mai scontata, testimonianza di una silenziosa e pacifica ribellione ad una vita di oppressione, che solletica l’immaginazione coi suoi particolari un po’ magici ed i suoi personaggi stravaganti.

 

Recensione a cura di: Maria Carlucci.

Continue Reading

Opportunity

Cristiano Pedrini con il suo “Opportunity” presenta uno scritto di estrema dolcezza condito da un pizzico di passionalità e mistero.

Rey e Julian, i protagonisti, rappresentano le polarità demografico – economiche della Londra coeva, essendo il primo insegnante disoccupato in cerca di lavoro ed il secondo ultimo rampollo di nobile casata: realtà opposte, appunto, apparentemente incompatibili, che purtuttavia la penna dell’autore lega indissolubilmente l’una all’altra.

Julian, scampato ad un primo tentato rapimento, viene salvato da Rey del tutto fortuitamente: l’ex insegnante resta affascinato – tanto da non riuscir quasi a resistergli – dal giovane, non ancora maggiorenne, eppur dotato di carismatica bellezza, e da lì in avanti è un crescendo di emozioni.

Una storia intensa, strutturata su personaggi finemente caratterizzati: l’improbabile rapitore, un maggiordomo d’altri tempi, una zia troppo mamma, melensa ed ossessivamente attenta…

La trama tiene desto l’interesse del lettore, il quale immancabilmente solidarizza con i protagonisti positivi, quantunque talora l’autore sembri liquidare troppo frettolosamente il dipanarsi delle situazioni (i due amanti, ad esempio, si attraggono troppo per essersi visti, parlati e sfiorati in meno di ventiquattro ore); tutto ciò passa in secondo piano, però, alla luce della capacità di elaborare situazioni lievi ed intime, laddove il rapporto omosessuale, la differenza di età e di rango, vengono trattati con delicatezza e rispetto.

Nel complesso, un romanzo leggero in grado di regalare attimi di autentica emozione

Continue Reading

Viktor – Il ciclo della rinascita

Viktor

Primo libro della trilogia epic fantasy “Il ciclo della rinascita”, Viktor, fa da capostipite ad un’ avventura senza precedenti, in cui l’autore, Francesco Leo, mantiene alti valori fondamentali quali, l’ amore, l’ amicizia ed il senso di sacrificio che caratterizzeranno il nostro protagonista,
La vita di Viktor, garzone di fabbro, fatta di cose semplici e dell’appoggio della sua famiglia e dei suoi amici, viene ad un tratto stravolta dall’ avverarsi di una profezia, secondo cui lui sarebbe “L’ eletto”, il prescelto dagli dei per sconfiggere il male che sta tornando, più forte di prima. Coinvolto in una guerra senza tempo tra gli dei che avevano dato origine al mondo ed il disertore Zergh, affronterà prove ed addestramenti che lo porteranno lontano dagli affetti e dalle abitudini di una vita, ma che gli apriranno la mente verso leggende e creature mostruose che dagli antichi libri di storie per bambini cominciano a prendere vita infestando i boschi alla ricerca dell’ eletto.
Nessuna falla nella trama intessuta con maestria dall’ autore, impreziosita da elementi magici e da personaggi di rilievo, quali Selene, Galaeth, Amir ed il predecessore di Viktor, Xemnath, dal quale riceve in dono un diario, che in parte risponderà alle domande del ragazzo ed in parte ne genererà delle nuove. La particolare cura nei dettagli rende il tutto quasi reale, dai tratti fisici dei personaggi, alle loro storie, ai loro sentimenti, perfino all’ energia sprigionata dagli incantesimi che scagliano.
Il giovane prescelto abbraccia il proprio destino con coraggio e dedizione degni di un eroe… ma ciò basterà ad apprendere arti magiche e tecniche di combattimento in tempo per il risveglio definitivo di Zergh e per rinchiuderlo definitivamente nella sua prigione? Sarà degno di ritrovare la spada di Arald?

Assolutamente consigliato a qualsiasi genere di pubblico.

ACQUISTA QUI

 

Recensione a cura di: Maria Carlucci

Continue Reading