Lo sterminio – Simone Scala

Lo sterminio - Simone Scala

 

Orchi contro esseri umani, in una guerra senza fine e, soprattutto, senza esclusione di colpi: potrebbe sembrare uno spunto fin troppo classico e inflazionato, per un racconto fantasy, eppure Simone Scala ne Lo sterminio riesce a capovolgere lo schema tradizionale mettendo gli orchi, esseri malvagi e spregevoli, in una posizione di assoluto dominio.
La belva ha prevalso sull’uomo, la razza umana è prostrata, debole, fragile all’inverosimile, vessata da una specie che, solitamente, siamo abituati a vedere in netto svantaggio.

Stavolta sono gli Orchi a far pagare al genere umano le violenze commesse, uccidendo indistintamente donne, bambini e anziani, saccheggiando e mettendo a ferro e fuoco tutto ciò che si para davanti al loro cammino, proprio come nella più crudele delle guerre.
Un esercito, quello degli Orchi, che somiglia terribilmente a quelli dei capitoli più truculenti della nostra storia millenaria, dove gli esseri umani, da usurpatori, diventano vittime sofferenti.

Sullo sfondo di questa terribile vicenda si staglia la storia di Jokyka, bambina dai poteri sovrannaturali, che verrà aiutata da creature dal fascino ancestrale, pronte a schierarsi al fianco degli umani per un tacito e antico accordo… Un epilogo ricco di colpi di scena, che potrebbe cambiare le sorti di una guerra risolutiva come soltanto le grandi tragedie della storia (nonostante la dimensione fantasy nella quale ci stiamo muovendo) lo sono state, e che dimostra la florida vena narrativa di un autore di livello come Scala.

Nel complesso, la lettura risulta piacevole e scorrevole anche grazie allo stile fluido, semplice ma mai banale, una scrittura pulita che si avvicina alla tradizione del romanzo storico, oltreché a quella fantasy internazionale.
La trama intrigante, la sapiente caratterizzazione dei personaggi, ma soprattutto la dimensione intimistica ed emozionale nella quale il lettore viene immerso fin dalle prime pagine, che spinge all’empatia più pura, rendono “Lo sterminio” la prova dell’abilità e del talento narrativo di Simone Scala, senigalliese doc, professore liceale e già autore di romanzi come “La ragazza di Venezia”, “La montagna dei vecchi tricicli” e “I racconti della scure”.

Continue Reading

L’orrore invisibile – Steve Santori

L'orrore invisibile - Steve Santori

L'orrore invisibile - Steve Santori

Una vecchia casa coloniale che nasconde un inenarrabile segreto. Un gruppo di adolescenti apparentemente impazziti, immersi in una scia di orrore, violenza, sangue e follia che sembra non avere mai fine. Uno psichiatra chiamato a salvare da pessima sorte un liceo classico della provincia marchigiana, un compito che potrebbe rivelarsi fatale anche per un luminare della scienza…

Gli ingredienti per fare di “L’orrore invisibile”, libro d’esordio del talentuoso Steve Santori, un ottimo thriller ci sono tutti: l’intreccio narrativo è incalzante, il ritmo serrato non lascia un solo istante di tregua al lettore, i personaggi sono bizzarri, spregevoli, perfettamente caratterizzati e, perlopiù, repellenti quanto basta per farsi ricordare per lungo tempo.

Ma “L’orrore invisibile” non è soltanto un thriller ben congegnato, poiché l’elemento più prezioso dell’intera opera è sicuramente la capacità dell’autore di aggiungere un pizzico di ironia anche nei momenti più drammatici: un esempio su tutti l’azzeccato paragone tra il liceo, microhabitat variegato tenuto costantemente sotto controllo da professori vigili e telecamere a circuito chiuso, e la casa del Grande Fratello, ricovero di derelitti e personaggi di dubbio gusto.
Un paragone che ci mostra il gusto, tutto orwelliano, che l’autore prova nel sondare l’animo umano, le sue reazioni, emozioni, desideri e pulsioni, spesso più assimilabili all’ambito animale che prettamente umano, prendendolo in giro con salace sarcasmo. Sarcasmo percepibile anche nello stile linguistico enfatico, talvolta esagerato, comunque sopra le righe, come del resto l’intera narrazione.

Indubbiamente uno spunto che fornisce il perfetto aggancio per un pensiero che va a scuotere energicamente il mondo della letteratura contemporanea: chi ha stabilito che un buon thriller, per essere tale, debba necessariamente affidarsi soltanto all’elemento triviale, alla crudezza degli omicidi più efferati, magari fini a se stessi?
Perché nel volume di Santori gli omicidi, il sangue, l’elemento orrorifico ci sono, eccome se ci sono, ma diventano fattori propedeutici a riflessioni ben più importanti: i giovani protagonisti che conosciamo pagina dopo pagina mostrano un disagio che, al di là dell’elemento surreale che caratterizza talvolta questo genere letterario, diventa manifesto delle nuove generazioni, sempre in lotta per conquistarsi il proprio spazio nel mondo, spesso alle prese con difficoltà e un senso di scoramento difficilmente assimilabile.
Insomma, thriller ma anche metafora di una società in pieno disfacimento, in balia di slogan pubblicitari, smartphone e un profondo, difficilmente colmabile senso di solitudine che nulla (e nessuno) risparmia.

Continue Reading

Il sorpasso dell’irrealtà

“Il sorpasso dell’irrealtà” è il titolo di una raccolta di racconti che spaziano dall’horror al noir, con una propensione particolare all’ introspezione psicologica.

Accanto a situazioni oggettivamente spaventose, la giovane e decisamente promettente autrice – celata dietro lo pseudonimo di Anemone Ledger – intesse vagheggiamenti onirici, disperati e allucinati almeno quanto i personaggi che popolano i numerosi capitoli della silloge: solitudine, disagio ossessivo e patologico, alterità e devianza costituiscono l’inquietante sostrato della scrittura in questione.

Fra i diversi racconti, scritti in modo magistrale, così da alimentare e tener costante il pathos narrativo, spicca quello dedicato al famoso Pier delle Vigne, citato nell’Inferno dantesco: Anemone Ledger non teme il confronto con l’illustre precendente, sviluppando la vicenda con cura “maniacale” (è proprio il caso di dirlo!), pennellata com’è di atmosfere e dettagli più che angosciosi, ben inseriti nel novero dei restanti capitoli, frutto di fantasia brillante e fervida.

L’artificio narrativo – che gode di illustri precedenti letterari e cinematografici – di descrivere la follia anche nei bambini, comunemente considerati “puri” e “buoni” incide positivamente sulla preziosità della raccolta.

Un libro da non perdere!

Continue Reading