Solstice – L’incantesimo d’Inverno

“Solstice – L’incantesimo d’Inverno” ci viene proposto da C.E.A. Bennet (ovviamente pseudonimo) un libro fantasy che è riesce a rapire l’attenzione anche dei non amanti del genere, mostrando sin dalle prima pagine originalità.
L’autrice dimostra d’avere senza alcun dubbio talento per la scrittura, riuscendo a districare con parole semplici una trama ben studiata, piena di interessanti dettagli e arguti particolari che coinvolgono il lettore, particolari mai inutili o prolissi.
La storia narra di tre amici: Emma,protagonista principale, Alec e Sam. I tre si ritrovano a ricordare la loro adolescenza e insieme si raccontano i momenti più significativi,ma durante lo scorrere del racconto tutto cambia…anche i loro rapporti.
Questo fantasy non trascende mai nella banalità,ha sempre un tocco personale che in questo caso è dato da Emma, la quale deve nascondere il suo segreto più grande…la magia.
Molto interessante è l’inserimento di un’antagonista che darà filo da torcere ai protagonisti principali che ha un forte impatto sulla storia, un uomo misterioso che  svelerà il suo essere solo dopo qualche capitolo.
Questo spinge il lettore a leggere e ancora leggere, curiosità e buona scrittura spingono a voler conoscere, esplorare le pagine di questo libro e di arrivare alla fine, anche se poi, tanto fine non sarà..
L’autrice ci sottopone un libro ricco di colpi di scena che vengono trascinati da vecchi segreti che tornano a galla.Un linguaggio scorrevole e leggero,volto al passato.
I personaggi  vengono descritti in maniera arguta e dettagliata, per fortuna, l’autrice non si perde in dettagli noiosi e non pertinenti. Ambientazioni strutturate e dettagliate, riescono facilmente a fare immergere il lettore in quella storia, in quel tempo.
Complimenti all’autrice