RECENSIONE – CI SI VESTE SEMPRE A PUNTINO QUANDO SI VA A TROVARE LA NONNA

Questa raccolta di poesie, aforismi e pensieri, scritta da Luca Giambonino, è un tuffo senza trampolino in un mondo in costante evoluzione. Lo stile utilizzato dall’autore è cinico e concreto, oltre ad essere libero da sovrastrutture che, invece, spesso la poesia ha. Le varie composizioni non hanno una vera e propria consequenzialità, ma ogni stesura sembra avere un percorso indipendente ed assestante.

In un mondo sempre più digitalizzato, questa silloge può essere davvero un’occasione per uscire fuori dagli schemi e perdersi in un labirinto di emozioni contrastanti. O, come scrive l’autore in una delle sue opere “lo sguardo disincantato di un poeta lastricato di cristallo”. Perché la poesia può essere di tutti e per tutti. E ciò che il lettore percepisce è una parentesi di vetro incastonata in un grattacielo senza mete e senza distanze.

Un libro da leggere tutto d’un fiato e senza periodi di sosta. La lettura è scorrevole e spesso ci pone dinanzi a riflessioni più o meno esistenziali.