Sony rincara PlayStation Plus

Sony Interactive Entertainment sta per aumentare il prezzo dell’abbonamento PlayStation Plus.
Si fa sempre più largo questa notizia segnalata in rete dagli utenti che usufruiscono dell’abbonamento, che vedrà entrare in vigore la modifica del prezzo dal 1 Agosto di quest’anno.
I Paesi interessati da questo cambiamento sono il Giappone e alcuni paesi Europei tra cui figura anche l’Italia: in Giappone la sottoscrizione vedrà un aumento per il piano mensile da 514 yen (4.25 euro) a 850 yen(7.02 euro) mentre quello trimestrale passerà da 1137 yen (11.05 euro) a 2150 yen (17.77 euro) e resterà invariato quello annuale.
In Europa, Italia, Francia e Germania vedranno l’abbonamento mensile aumentare da 7.99 euro a 8.99 euro, nessuna variazione per le altre due tipologie della sottoscrizione.
Discorso diverso per Svezia e Svizzera che vedranno un rincaro per tutte e tre le tipologie del servizio.
Nessun cambiamento radicale per l’Europa rispetto a ciò che succederà in Giappone coi prezzo quasi raddoppiati.
Vi ricordiamo che Sony ha di recente annunciato anche i giochi gratis disponibili per il mese di Giugno, quali Borderlands the handsome collection e Sonic Mania, che si uniranno a tanti altri nell’istant gaming il 4 giugno prossimo.

Continue Reading

WhatsApp potrebbe essere escluso dai prossimi smartphone

WhatsApp, possibile addio a Huawei.

In seguito alla recente decisione da parte del governo Statunitense di inserire la Huawei Technologies Co.Ltd. nella lista delle compagnie più pericolose per la sicurezza nazionale, voci di corridoio parlano di un possibile forfait anche da parte di WhatsApp, che eliminerebbe di conseguenza il supporto agli smartphone del colosso Cinese, in linea con quanto hanno già eseguito moltissime aziende americane costrette a rescindere tutti i contratti in vigore fino a pochi giorni fa.

Nonostante le rassicurazioni di Google, che come ben sappiamo è stata la prima a seguire l’ordine del presidente Americano, ai propri utenti già possessori di uno smartphone Huawei riguardo al supporto garantito per i prossimi mesi/anni, la situazione è ben diversa per tutti i nuovi modelli di cellulari  in uscita nei prossimi mesi: ad esempio l’Honor 20 Pro presentato qualche giorno fa dalla sussidiaria Huawei, non ha avuto la certificazione Android e ciò comporterebbe la mancanza dei servizi di base garantiti da Google, quali Google Maps, Google mail etc.

Stesso discorso vale per aziende come Intel, Qualcomm e moltissime altre associazioniche erano coinvoltein programmi di sviluppo insieme a Huawei, le quali hanno anche sospeso la fornitura dei materiali all’azienda Cinese.

La cessazione del supporto da parte di WhatsApp a tutti gli smartphoneHuawei metterebbe a rischio la sicurezza dei dati personali di tutti gli utenti; tuttavia lo staff dell’applicazione non ha ancora confermato né smentito la notizia, a seguito del blocco temporaneo di 90 giorni della decisione presa dal governo Americano: WhatsApp sarebbe obbligata ad eseguire l’ordine di Trump al termine dei tre mesi e di conseguenza tutti gli aggiornamenti dell’applicazione non verrebbero garantiti agli smartphone già in commercio mentre per quelli in uscita non sarà possibile scaricare e installare l’app di messaggistica.

L’azienda Cinese non si è fatta trovare impreparata, pochi giorni fa ha annunciato il rilascio di un proprio sistema operativo su cui lavora da già due anni,  per sostituire quelli Android e se ciò dovesse realizzarsi in tempi brevi possiamo aspettarci una data di uscita entro i prossimi due mesi, un evento tuttavia piuttosto difficile che si avveri in così breve tempo.

L’altra alternativa più plausibile è rappresentata da Aptoide ,uno store di terze parti, in cui è disponibile un APK di WhatsApp, con cui Huawei ha già stretto accordi nel caso il Google PlayStore venga rimosso dai suoi smartphone.

Continue Reading

XBOX GAME PASS in arrivo su Windows 10

Grandi notizie per tutti gli utenti Microsoft affezionati al gaming con mouse e tastiera: Phil Spencer, capo della divisione Xbox di Microsoft, ha annunciato che presto il servizio “Xbox Game Pass” sarà presto disponibile anche su PC Windows 10.

Lanciato due anni fa su Xbox One, questo tipo di abbonamento ha riscosso molto successo fra i fan della console e di conseguenza Phil Spencer ritiene che sia arrivato finalmente il momento giusto per consentire anche al grandissimo numero di videogiocatori PC di poterne godere.
Il comunicato stampa del capo della divisione Xbox ha svelato solo alcune delle informazioni che verrano discusse alla prossima conferenza E3 di Microsoft:

L’abbonamento prevederà l’accesso ad una libreria digitale di almeno 100 giochi di ben 75 case sviluppatrici, tra cui possiamo leggere alcuni nomi di spicco come Bethesda, SEGA, Paradox Interactive e saranno disponibili anche i kolossal GDR realizzati da InXile e Obsidian e tutti i nuovi giochi sviluppati dalle ausiliare di Xbox Game Studios.

Compresi anche sconti sullo store per i nuovi abbonati su PC Windows 10, fino al 20% per i giochi presenti in lista e fino al 10% sulle relative espansioni e tutti i componenti aggiuntivi.

Non resta che rimanere in attesa della data fatidica di questa conferenza che si terrà il 9 Giugno alle ore 22, per ottenere tutte le informazioni riguardo alla data del lancio e alla lista dei giochi che saranno disponibili tramite l’abbonamento e per scoprire sopratutto quale grande impatto avrà nel vasto settore video-ludico.

Continue Reading