Il giardino delle querce nominate

Nato dalla penna dello scrittore Luca Giambonino, Il giardino delle querce nominate si propone come un romanzo breve di circa settanta cartelle, ma non per questo privo di contenuti coinvolgenti.

Il titolo dell’ opera rappresenta proprio la chiave della storia narrata, e cioè quella di una tradizione di famiglia, sopravvissuta a secoli di cambiamenti ed a generazioni con mentalità sempre differenti. Il primo figlio maschio di ogni discendente della stirpe dei Mood riceveva in dono una quercia con il proprio nome scritto su una targa all’ interno del giardino della casa, e con essa, anche l’onere di gestire gli affari della famiglia.

Sarà proprio una di quelle querce a fornire ad Herbert l’ indizio per svelare uno degli enigmi più controversi della storia della casata.

Il nostro protagonista si ritroverà tre le mani il lasciapassare per nuovi mondi, con un unico quesito: lasciarsi trascinare dalla curiosità?

Il testo è scorrevole, il lessico ricercato catapulta il lettore in un’ epoca lontana, fatta di tradizioni e di obblighi a cui non ci si poteva sottrarre. L’ attenzione ai particolari dell’ autore consente alla fantasia di ricreare ogni luogo, ogni rumore ed ogni situazione descritta, il tutto amplificato dallo stato d’animo del protagonista: vi sembrerà di passeggiare accanto al ruscello del giardino sotto la pioggia oppure di arrancare nel deserto alla ricerca di acqua.

Coinvolgente fino all’ ultima pagina.

 

Recensione a cura di: Maria Carlucci

Acquista il libro su Amazon