Geremia

“La vendetta si mostra solo a colui il quale è disposto a portarne il peso”…

La vendetta non è un piatto che necessariamente vien servito freddo, ma di sicuro non è gratuito.

Sarà proprio da questo presupposto che  Lorenzo Ruggieri farà nascereGeremia”  un libro dai toni molto forti e dalle tematiche per nulla leggere.

Nel corso dei suoi racconti, sarà molto diretto, a tratti crudo, coinvolgendo quanto più possibile un lettore sensibile.

Ma chi è Geremia?

Geremia è colui che tutto da e tutto toglie, è il giusto e l’errato, ma è anche un uomo elegante, che sa presentarsi al momento giusto, e prendersi ciò che più gli aggrada, quando tornerà a riscuotere.

Geremia è la morte…(?).

L’autore imbastisce una trama che si snoda lentamente in più fasi, diviso sapientemente in piccoli capitoli facilmente collegabili tra di loro.  Saranno 3 le storie che Lorenzo Ruggieri ci racconterà, storie a cui  mancherà l’happy ending, il lieto fine, o chiamatelo come volete, ma che vi lascerà sicuramente sbalorditi.

È da apprezzare la scelta narrativa di questo scrittore che par lasciare tutto all’immaginazione del lettore, riuscendo però, con abile capacità produttiva, a far sì che il lettore si ritrovi coinvolto inesorabilmente, senza dover necessariamente immaginare, poichè è tutto lì tra le righe, ben scritto, ben impostato.

Ma gli stessi personaggi subiranno, paradossalmente, il coinvolgimento, quasi passivo, del lettore.

Geremia si presenterà loro quando crederanno di averne più bisogno, ribalterà la vita di alcuni mostrando loro quanto poco sincera sia la vita che stanno vivendo, oppure li aiuterà  a non subire angherie e strazi vari, li libererà dal “male” che in quel momento li attanaglia, ma Geremia tornerà e sarà lui il  vero “MALE”.

Un elaborato per nulla semplice che però va dispiegandosi alla grande, senza intoppi, scorrendo facilmente e senza troppe difficoltà.

Non sarà di certo semplice approcciarsi, visto forse i temi trattati, ma una volta incontrato Geremia, non si riesce a non leggerne ancora.